La Storia dei ventilatori UL CSA Atex urgenti.

ventilatori industriali atexE’ cominciata malissimo ma GUARDA come va a finire?

Questa volta l’azienda è nel settore alimentare con una storia secolare, tanto che all’interno stà cominciando il ricambio generazionale. La vicenda riguarda il responsabile produzione che aveva bisogno di me e dei due responsabili acquisti, il “Senior” con i vecchi metodi e il nuovo molto più diretto ma senza la traccia storica delle disavventure con altri fornitori di ventilatori.

Il grande rischio di fare una confusione pazzesca e una figura di Merda in un nuovo mercato. Le due velocità di agire, mescolate, avevano creato un danno a monte.

Ci erano voluti due anni prima di decidersi a contattarmi perché il primo incontro era stato con il responsabile acquisti Senior, che ha 35anni di lavoro fatto sempre allo stesso modo, e solo molto dopo ho avuto un secondo incontro con il giovane. Purtroppo oggi a 33 anni sei considerato ancora un giovane, anche se sei Ingegnere, anche se hai esperienza all’estero.

La storia comincia quando il loro ufficio commerciale gli porta a casa 3 ordini di macchine per il Canada, lavorando farine non avevano bene inteso che la nostra normativa Atex NON corrisponde a quella americana e canadese. Con addirittura voltaggio speciale, e fin qui nulla di anomalo, è speciale tutto ciò che NON è 400V, meno bene sul fatto che la fornitura doveva essere con gli accorgimenti Atex. Ca….volo!

Prova ad indovinare di quanto tempo era la loro consegna da rispettare tassativamente? Di sole 9 settimane. 2 settimane se l’era mangiate il senior che non aveva capito cosa dovesse ordinare, e quindi erano già nei casini. Di questa situazione, il giovane si era consultato con me:

il cliente Canadese ci ha chiesto tassativamente norme UL CSA MSDS!”

La nota importante per te è in Canada i voltaggi della corrente non sono omogenei sul territorio ed è probabile che anche sull’argomento certificazioni obbligatorie per i macchinari, il cliente a monte non avessero tutta questa competenza.

La sigla UL CSA passi, ma MSDS cosa vuol dire?

 Ho scoperto solo dopo che questa sigla vuol dire semplicemente “scheda tecnica del materiale.” Quindi la richiesta a monte aveva mandato in tilt il loro ufficio tecnico. Fino a qualche anno fa, chi dall’America era fortemente motivato a comprare un macchinario europeo, trovava una soluzione accomodante insieme al costruttore della macchina, utilizzando alcune deroghe.

Perché le deroghe alla normativa un tempo passavano lisce?

In materia Atex noi europei siamo all’avanguardia. La grande esperienza è stata una necessità dovuta ai moltissimi incidenti accaduti nel secolo scorso. Ad esempio:

  • farina nell’aria, che è altamente infiammabile
  • fabbriche di vernici, dove la depurazione un tempo lasciava a desiderare
  • lavorazioni di cereali in genere
  • gas infiammabili in pressione

Box_dvd

Tornando al mio cliente con in mano gli ordini canadesi, dopo Kilometri di e-mail …. avevamo stabilito che i ventilatori industriali corretti da montare sul loro macchinario dovevano essere: certificati UL CSA e adatti alla normativa ATEX 3G e anche 3D. Ti lascio qui la pagina di Wikipedia se vuoi verificare il significato delle sigle  https://en.wikipedia.org/wiki/CSA_International  Oppure te lo semplifico qui: UL è la norma statunitense e CSA è la Canadian Standard.

Siamo alla fase 1, poter fare l’offerta giusta. L’impiegato acquisti senior si rivolgeva a tutti i fornitori in modo seccato e sbrigativo, anche con me, ma forse non era colpa sua, evidentemente gli hanno insegnato da ragazzo che si fa così e lui è sempre stato convinto di fare bene.

Avevo capito che volevano ordinare da me, mah…. mi ha mandato l’ordine via fax! Hai capito bene, mi ha mandato l’ordine ancora per fax non per “l’ufficialità” ma perchè lui non usa le e-mail o le fa inviare da un’impegata se proprio non ne può fare a meno. Ma se tu fossi il titolare di questa persona, non ti verrebbe volgia di scalare dal T.F.R. il costo della carta e del toner?

Ma la cosa grave è che preso dal volermi strappare un prezzaccio a tutti i costi,non aveva guardato la consegna necessaria alla mia produzione che gli avevo ben indicato nell’offerta tecnica! Continuava a scrivere con insistenza:

 Scusi, gentilmente, cortesemente, E’ PREVISTO UNO SCONTO ???

 E’ proprio così – partiva in minuscolo e poi in stampatello aggiungendo tanti punti interrogativi – Sempre via fax. Sono sicuro che non è cattiveria da parte del senior, ma non tutti sanno che, in uno testo scritto, scrivere MAIUSCOLO GRASSETTO, equivale ad urlare in faccia ad una persona. Allora preso dalla fretta di recuperare alla svista sulla consegna mi rimanda l’ordine con i suoi prezzi imposti, presi chissà da quale mio concorrente. L’ho chiamato telefonicamente e in modo seccato perchè l’ufficio tecnico gli aveva imposto di fare l’ordine a Pasquale dice:

“mi dica Pasquale, che problema ha???”

Come che problema ho ??   –   Io??

Qui abbiamo sempre fatto così, e l’altro fornitore ci capisce al volo.

Tutte stupidaggini, perché:

  1. se la tua azienda si è rivolta a me e perché il tuo fornitore storico brancola nel buoi sulla normativa;
  2. anche se ne sa qualcosa ha consegne lunghe e la produzione si è stufata di sclerare;
  3. se vi conoscete da 30 anni e parlate in dialetto, non c’è niente di male, va bene al caffè, ma se la cosa di cui ha bisogno il tuo titolare va installata all’estero non puoi ragionare così. [Vergognati un pochino].

Ma continuiamo a pensare che non sia colpa sua, quando l’azienda ha aperto nel dopoguerra era una bottega e gli è cresciuta tutta intorno diventano internazionale. Del resto penso sia il motivo per cui nessuno da loro si licenzia mai e gli stipendi sono di fascia molto alta. L?unica soluzione era di parlare con il giovane per non perdere altro tempo. Lui si rimboccò le maniche, fece da tramite con l’ufficio commerciale, l’ufficio tecnico e il senior,

Adesso era tutto pronto per ricevere l’ordine corretto in ogni dettaglio e il senior cosa fa a quel punto …. Corregge a penna il foglio del primo fax…. e me lo rimanda, sempre via FAX.

Volevo sbattere la testa contro il muro e pensavo a quanti lavoratori che hanno più di 50anni avrebbero fatto il suo lavoro senza la minima difficoltà. Non è una questione di età, il senior ha sicuramente una calcificazione al cervello! Preso dallo sconforto faccio fare dal mio staff la conferma d’ordine. Ma commisi un errore, ebbene si, anche io sbaglio.

NON mi sono accorto che il vile mi ha cambiato la data di consegna anticipandola a tradimento. Come se servisse a qualcosa! Preso dal tira e molla delle certificazioni necessarie, contatta il motorista giusto, guarda se la girante del ventilatore è speciale, pretendeva tre ventilatori a norme UL CSA con accorgimenti Atex 3G in sole 2 settimane – Impossibile.

In pratica aveva prepotentemente preso il parametro consegna di un ventilatore standard con uno per il mercato canadese. Sono sicuro che tu al posto mio saresti salito in macchina e corso da lui spaccargli la faccia! Meno male che dietro di me ci sono persone straordinarie, che mi aiutano a non perdere la pazienza. Lo feci notare al giovane e spunta fuori l’ennesima difficoltà:

Giò, abbiamo la penale sul contratto se entro fine mese prossimo non partono i macchinari!”

Finalmente potevo far lavorare il mio ufficio tecnico e la produzione. Avendo alle spalle un’azienda rispettata, che gratifica i dipendenti, e soprattutto che paga con puntualità i fornitori senza strangolarli per il prezzo …. dovevamo spingere la fabbrica di motori UL CSA. Non è roba da scaffale, ci sarebbero volute 5 settimane, come chiunque produca quella specialità. La Signora responsabile dei motori, fece di tutto per aiutarci. Ma c’erano i tempi del trasporto, dalla fabbrica di motori a quella dei ventilatori. Anche solo 2 o 3 giorni potevano essere fatali.

Il fatto è che sempre più spesso, i clienti esteri pretendono penali sulla consegna perchè non si fidano in generale degli italiani. Non dico che hanno ragione, ma quante aziende, miei concorrenti, tuoi concorrenti, non sono serie nella consegna. Significa semplicemente fare ciò che si dice. Se non hai il personale allenato a lavorare in velocità, nascono tensioni interne e probabili infortuni, è per questo che se hai l’azienda impostata bene per farlo non patisci. Altrimenti sarai sempre in sofferenza, e questa cosa il tuo cliente la percepisce e la senti anche quando il cliente sei tu.

Come abbiamo fatto a farcela anche questa volta?

Abbiamo concordato un trasporto speciale, diretto, che gli è costato di più. Alla faccia del senior che voleva il prezzo. L’ incompetenza dimostrata dal senior  ha appesantito la loro inesperienza sul mercato canadese. L’ arroganza iniziale gli ha fatto perdere tempo prezioso. Quindi noi abbiamo evaso l’ordine, loro hanno montato le macchine mettendo su un doppio turno di lavoro serale per una settimana e con un pò di spirito di squadra sono partecipe di aver risolta anche questa.

Le macchine sono state collaudate e rismontate per essere inserite nei container. Oggi, ogni tanto arriva un ordinino UL CSA. Nessuna notizia particolare, quindi significa che va tutto liscio.

Questo il lieto fine:

  • Il giovane oggi è visto come una persona più competente dalla sua direzione
  • il senior è stato incaricato di cose molto ripetitive, in modo che non faccia danno, aspettando che si apra la sua finestra pensionistica – e che ci si butti!

Se questa storia ti ha insegnato qualcosa anche se hai dei ventilatori standard. Se pensi che io non sia così cattivo in quello che scrivo, contattami, ma non usarmi per il prezzo per poi andare dal tuo solito. Guarderemo insieme se tecnicamente ho ciò che ti serve.

Non perderti i 3 video, hanno un valore enorme per la tua forza commerciale.

“A la prochaine fois!”

Giò PASQUALE

Box_dvd


 

The following two tabs change content below.
Avatar

Giò Pasquale

Gli amici mi chiamano Giò, lavoratore tenace e papà di Irene; sempre alla ricerca di modi per velocizzare le attività perchè "il tempo vale più del denaro." - Contattami nella chat in basso a destra, dove c'è scritto: Domande?

One Response

  1. Avatar Alfio

Lascia un commento

Powered by themekiller.com